Domenica 17 ottobre siamo al Giardino delle Erbe di Casola Valsenio, dove assistiamo ad una dimostrazione di distillazione in corrente di vapore di un bel fascio di profumatissima Lippia citriodora appena colta; il metodo, illustrato dal dott. Biffi, permette di estrarre gli oli essenziali da foglie e fiori, lasciando al termine del processo una parte acquosa, cioè un idrolato, che contiene ancora una piccola parte di olio e conserva proprietà utili in cosmetica e profumeria.

Al termine, il dottor Biffi ci accompagna nel giardino per mostrarci le varie essenze in coltivazione: Lavande, Rosmarini, Salvie, Dragoncello, Calendule, Echinacee, Menta e innumerevoli altre piante dagli usi medicinali o gastronomici.

Nel pomeriggio si visita il giardino vivaio di Stefano Peroni a Castel Bolognese, un giardino di graminacee ed Emerocallis, ibridati dal vivaista, e con una bella collezione di Aceri e Liquidambar.

Nonostante l’estate trascorsa, particolarmente siccitosa e ventosa, il giardino è in splendida forma: Stefano racconta che non ha lesinato le innaffiature di soccorso ed ha accuratamente pacciamato le aiuole con cippato di ramaglie autoprodotto, per trattenere l’umidità a livello delle radici; ciò ha permesso di limitare i danni, che sono stati per lo più causati dai forti venti disidratanti.
Le aiuole traboccano di graminacee al culmine della fioritura, e di corolle dalle caldissime tonalità tipicamente autunnali; per vedere gli Aceri e i Liquidambar al culmine della loro bellezza bisognerà aspettare ancora un po’.

indietro